Abrogano la democrazia e la chiamano risparmio

Grande successo per Renzi, nuovo che avanza, è riuscito finalmente ad abolire la democrazia locale.

Infatti con l’approvazione del decreto Delrio da parte della Camera dei Deputati ciò che si viene ad eliminare non sono i costi degli enti provinciali ma la possibilità per i lavoratori ed i cittadini di poter scegliere chi dovesse rappresentarli e quali politiche l’ente provincia dovesse portare avanti.

Abrogando le elezioni provinciali il Governo Renzi, nuovo che avanza, fa compiere alla democrazia un passo indietro.

L’esito di quel voto produrrà organismi provinciali composti da politici nominati nelle segrete stanze e nessun organismo di controllo del loro operato.

Il nuovo che avanza si avvia sempre più nella direzione di uno Stato ademocratico e autoritario, in cui con la scusa di tagliare i costi della politica si taglia la Sovranità dei cittadini e la democrazia. In tal modo ai cittadini-lavoratori resta una libertà di parola formale, che non può mai incidere sulle azioni delle istituzioni perchè la nomina dei componenti è sottratto ad ogni tipo di informazione pubblica.

 

Marco Bizzoni

Segretario PRC

“federazione Castelli,Colleferro, Litoranea”